le intuizioni ovvie di claudio messora

sabato 6 gennaio 2007

Offro alla TRE (H3G) una giornata di consulenza informatica.

Cara H3G, detta anche TRE, ecco la mia offerta per comporre una situazione davvero incresciosa per il prestigio dei tuoi servizi e l'affezione dei tuoi clienti.



Introduzione

Da quando ho aperto un contratto Business, a fine luglio 2006, è stato uno stillicidio. Dei due Nokia E61 presi con InRent24, uno è andato in assistenza ad agosto ed è tornato a Natale! Sull'altro non ha mai funzionato il navigatore satellitare per il quale pago un corrispettivo mensile.
Ma la vera nota dolente non è questa, bensì le tue fatturazioni selvagge.

Innanzitutto sulla bolletta in pagamento a novembre mi trovo €100 di fantomatiche inadempienze contrattuali. Chiamo per esigere chiarimenti, mi rispondi che effettivamente cadi dal pero anche tu, ma mi garantisci che mi scalerai l'importo dalla fattura che pagherò a gennaio. Bene! Pero' intanto i soldi me li trattieni per due mesi: è previsto che qualcuno paghi gli interessi?

Sulla fattura successiva invece, quella relativa al mese di ottobre, in pagamento al 15 di dicembre, mi trovo 425,50 euro imputabili a messaggi!!!
425 euro di messaggi su un piano PowerFull da quasi cento euro al mese di abbonamento??
Sulle prime la prendo sul ridere. Non ho amanti, uso pochissimi SMS e il mio piano tariffario ne prevede una cinquantina gratis a settimana.
Chiamo il 139 sicuro di me, ma la signorina non sa dirmi niente perchè i dati di ottobre non sono ancora a video, però mi invita a verificare se io non abbia preso un bel virus. "Sa, con il bluetooth se ne prendono a iosa, se non si sta attenti". In ogni caso devo stare tranquillo che mi richiama lei in giornata.

.....ron fiiiii.....
.....ron fiiiii.....
.....ron fiiiii.....

Sarei ancora qui che aspetto se ovviamente dopo un paio di giorni non avessi richiamato io.

Nel frattempo perdo la mattinata in un centro Nokia, come suggerito, per farmi certificare che il mio E61 non ha virus "noti". Mi chiedo se a questo punto non attribuirai la colpa a qualche virus "ignoto", magari programmato da me, frutto della mia imperizia, per sostenere che devo pagare comunque.

La nuova signorina del 139, che ovviamente ricontatto io, mi dice che finalmente i dati a video ce li hanno, e che la causa della cifra spropositata è chiaramente dovuta all'elevato traffico email, ciascuna delle quali avrebbe addirittura superato i cento megabytes! Ahh.. ecco perchè ho speso così tanto.
E' inutile farti notare che scaricare email di oltre centomegabytes l'una su un telefonino è un'impresa da Guiness dei Primati anche impegnandosi a fondo, e che tra l'altro essendo io un informatico di professione me ne guarderei bene (così come dall'accettare messaggini bluetooth da utenti sconosciuti e perfino conosciuti).
In ogni caso, svesto i panni dell'utente da spennare, metto in moto le cellule cerebrali e individuo una ragione plausibile che immediatamente ti spiego. La signorina mi invita a scrivere l'immancabile fax!
Non c'è problema. Io amo scrivere fax. Tanto non ho niente da fare, posso perdere tutto il tempo che voglio.
Lo scrivo e lo invio il 4 di dicembre.


Il problema.

Tale fax suggerisce ai tecnici H3G la seguente spiegazione.

Premesse
Avevo inizialmente configurato il mio terminale Nokia E61 per l'utilizzo del mio account Gmail (byoblu@gmail.com).
A ottobre Google (che gestisce Gmail) mi chiude inaspettatamente l'account per 48 ore. Alle mie proteste, risponde con una email in cui sostiene che si sono verificati troppi accessi, causando un traffico eccessivo che contravviene alle politiche del servizio. Per ragioni di sicurezza, quindi, l'account viene disattivato. Inoltre suggeriscono che tali accessi possono essere causati da processi che fanno polling (interrogazioni continue a intervalli regolari) e che non sono autorizzati da Gmail.
Mangio subito la foglia e immagino che MailCube stia causando il problema con Gmail.
Dopo 48 ore mi riattivano l'account, ma nel corso dello stesso mese Gmail mi sospende il servizio per altre due volte, causandomi tra l'altro gravi disagi (come la maggior parte degli utenti di Gmail, conservo parecchi dati utili sui loro server).
Stressato, cambio l'account associato a MailCube, dirottandolo su un provider diverso. Miracolosamente non ho più problemi con Gmail.


Logiche conclusioni
Allego l'email dei tecnici di Gmail, deducendone che il demone di MailCube (il processo sempre attivo che controlla l'esistenza di nuove email) abbia avuto qualche problemuccio nell'accesso ai server di Gmail, causando un abnorme trasferimento di dati tra i server Gmail e i server MailCube, il quale ha poi tentato di spostare sul mio terminale tali dati senza successo (non ho mai ricevuto, come del resto è logico data la loro dimensione, siffatte elefantiache dosi di email, nè tantomeno ho mai scaricato allegati di dimensioni superiori a poche centinaia di Kb, operazione tra l'altro non automatica che va espressamente e volontariamente avviata).

Ora, non è di mia competenza il traffico che MailCube genera con i server di email dei provider esterni cui si collega. Nè il traffico non richiesto che MailCube tenta di trasferire sul mio terminale senza successo e senza che io abbia avviato operazioni di download di allegati pesanti.


La tua risposta

Ti ho inviato il fax all'inizio di dicembre, spiegando il tutto, allegando l'email di Google sulle cause del disservizio e la certificazione dell'assenza di virus, e spiegando che non ho intenzione di pagare i 425€ in scadenza il 15 dicembre, specialmente dopo che vi ho già regalato 100€ il mese precedente per le inadempienze contrattuali fantasma.
Chiamo un tuo operatore del 139, il quale mi assicura che il fax è stato ricevuto ed è stato già preso in carico da un tecnico che mi contatterà a breve.
Nessuno mi chiama, come da manuale.
Richiamo, un altro tuo operatore mi dice che non è stato mai ricevuto nessun fax. Inizio a scocciarmi sul serio. Mi chiedi di inviarlo nuovamente. Minaccio la disdetta, ma reinvio il fax. L'operatrice mi dice di non preoccuparmi, di chiedere a CartaSì di non saldare l'importo. (ma lo sai già che non si può fare, vero?)
Chiamo CartaSì ma come volevasi dimostrare loro non possono farci niente perchè le autorizzazioni agli addebiti su carta di credito si fanno una volta sola e sono valide vita natural durante, fino a che non si chiude la carta di credito stessa: non sono revocabili. Posso solo contestare l'addebito una volta effettuato.
L'addebito avviene puntualmente, come prevedibile.
E così, cara TRE, ti sei intascata anche i 425 euro, oltre i cento euro della fattura precedente, e non ti sei fatta più sentire fino a ieri, venerdì 5 gennaio 2007, ove con un sms mi inviti a contattarti perchè è disponibile il responso dei tuoi tecnici qualificati.


Ohhh! Bene! Finalmente!!
Sentiamo!


Beh!! Devo dire che di tutte le risposte che avrei potuto aspettarmi, questa è stata certamente la più sorprendente: il signor tecnico ha stabilito che quanto da me esposto come ragione dell'abnorme traffico generato non è realistico perchè (attenzione, state attenti, eh?)
NON E' POSSIBILE CONFIGURARE MAIL3 PER L'UTILIZZO CON GMAIL.

Questa è l'apoteosi del ridicolo. Cara H3G, tu offri un servizio del quale i tuoi stessi tecnici ignorano il funzionamento.
Sì, perchè a me, semplice ed ignaro ma soprattutto ignorante utente (tecnologicamente parlando, di fronte a cotali guru dell'informatica), risulta invece un'evidenza del tutto diversa: ovvero che durante lo stesso processo di setup di MailCube sul terminale (videofonino), la procedura stessa ti offra la possibilità di configurare in automatico, previo inserimento di user e password, un account GMAIL. E la procedura è contenuta in un software che risponde a precise specifiche funzionali che i tuoi analisti hanno previsto sulla base dei requisiti relativi al servizio.

E se così non fosse, cioè se Gmail non venisse già proposto per la configurazione automatica, la procedura di setup ti offre comunque la possibilità di configurare un qualsiasi provider di posta eletronica esterno, a tuo piacimento, immettendo l'indirizzo del server pop, e dunque questo da solo giustificherebbe qualsiasi servizio di posta elettronica io avessi associato a MailCube.
In ogni caso ripeto che, ironia della sorte, tu stessa mi induci ad associare il mio account Gmail a MailCube, offrendomi l'opzione nella procedura guidata.

MA TU, TRE, NON VUOI RICONOSCERE IL DISSERVIZIO CHE MI HA CAUSATO 425,60€ DI DANNI, SOSTENENDO CHE E' IMPOSSIBILE CONFIGURARE UN ACCOUNT GMAIL CON MAILCUBE.



La prova del delitto

E così, siccome non mi piace buttare via quasi novecentomila delle vecchie lire, ma soprattutto detesto essere preso per i fondelli da quelli che nella migliore delle ipotesi sono degli incompetenti, mentre a voler pensare male stanno cercando di ingrassare i conti aziendali a mie spese, mi sono munito di videocamera, di qualche software di conversione video e ho autoprodotto le prove di quello che dico.

Guarda un po' qua:





La mia offerta

Cara H3G, nell'invitarti a selezionare meglio il tuo personale tecnico, o in alternativa a prepararlo di più, per comporre la questione ti offro una consulenza informatica di una giornata, fatturandoti esattamente 425.60 euro più IVA, con la quale potrai avvalerti del mio expertise per avere un'assistenza qualificata a supporto della robustezza e dell'affidabilità dei tuoi servizi, con particolare riferimento a MailCube.

Pagami una giornata di lavoro, o restituiscimi i miei soldi.

Con cordialità,
Claudio Messora

4 commenti:

cristina ha detto...

ogni operatore ha i suoi difetti! non spariamo a zero..... ognuno ha le sue pecche! quanta polemica mamma mia!

Musicista, informatico. Eternamente in bilico tra ragione e sentimento. ha detto...

Scusa.
Lo chiami difetto vederti addebitare oltre quattrocento euro sulla bolletta senza esserti mai sognato di consumare un solo centesimo in più di quanto previsto dal contratto?
Ma l'hai letto bene il post?
Se per te quattrocento e rotti euro sono un difetto per cui è inutile fare polemica, immagino che tu non abbia problemi di soldi.

Posta ha detto...

Cara Cristina, sei una pazza scatenata, e questo è il migliore dei complimenti, per una che parla di difetto quando legge di un INGIUSTO addebito di 425 Euro. Polemica? Solo perché t'ha spiegato per filo e per segno quello che è successo? Pure meglio di 100 tecnici H3G messi assieme? Non sarà che tu, cara Cristina, sei un pizzico incompetente, non hai capito una emerita H, e confondi la competenza con la polemica? Vai a coltivare ravanelli e a rivenderli con un sorriso, è questo il tuo mestiere. Cordialmente, Cristiano.

Max - massimo.enrico.baroni@gmail.com ha detto...

Ma questa Cristina è proprio un'idiota integrale!
Io invece sono caduto nella trappola che a fine agosto mi dicevano: "guardi la promozione di Luglio è ancora attiva, il suo samsung i600 glielo diamo senza contributo di attivazione...invece BLAM! mi hanno fatturato 100 eur di contributo...ma io ho diverse prove che ad agosto hanno prolungato la promozione di Luglio per un b.mail900!!
E poi ho fatto un contratto business per un b.magic con un E61 di cui dovevo pagare 50 EUR di contributo di attivazione e invece BLAM! mi hanno fatturato 100 EUR di contributo!! Ho fatto presente che ho visto questi abbonamenti sulla fatturazione online e BLAM! Mi hanno oscurato la possibilità di vedere le mie fatture online!!!
Vabbè che guerra sia perderò del tempo, ma ragazzi non ho alcun dubbio che legalmente gli faccio un culo così!!
Se qualcuno vuole aggiungersi almeno ci divertiamo un po'...